NEUSCHWANSTEIN E HOHENSCHWANGAU: la Baviera più romantica

© Füssen Tourismus und Marketing / www.guenterstandl.de
© Füssen Tourismus und Marketing / www.guenterstandl.de

 

Aspirò con un sommesso sibilo l’aria, l’aria umida e fresca di quel giorno piovoso.
Il sibilo divenne un rantolo, quindi un profondo, ruggente gemito.
Il re prigioniero stava alla finestra e gemeva.
Le sue mani scivolavano lungo quelle fradice sbarre di ferro, in su e in giù.
(Finestra con le sbarre. Gli ultimi giorni di Ludwig di Baviera.
Klaus Mann)

Nel 1959 usciva nelle sale cinematografiche il capolavoro di animazione La bella addormentata nel bosco, prodotto dalla Disney e basato sulla versione della fiaba di Charles Perrault.

Castello de La Bella Addormentata della Disney
Castello della Bella Addormentata della Disney

Come molti dei primi classici Disney, la storia inizia con un libro delle fiabe che si apre e subito la scena si focalizza su un maestoso castello in cima a un colle.

Ebbene questo castello esiste davvero e si trova in Germania, esattamente nel sud della Baviera, al confine con l’Austria: il castello di Neuschwanstein (letteralmente Nuova pietra del Cigno).

Walt Disney ne rimase talmente affascinato, che ne fece la dimora della principessa Aurora nel suo celebre film d’animazione, nonché il logo stesso della Disney, oltre a riprodurlo strutturalmente in tutti i parchi divertimento del mondo.

Ludwig II di Baviera nel giorno dell'incoronazione, dipinto di Ferdinand von Piloty, 1865.
Ludwig II di Baviera nel giorno dell’incoronazione, dipinto di Ferdinand von Piloty, 1865.

Ma se questa dimora fiabesca è affascinante, lo è ancor di più la figura del suo sovrano: re Ludwig II (1845-1886), il più eccentrico e discusso re della Baviera, noto soprattutto per la costruzione dei suoi castelli delle fiabe, per la sua ossessione per le opere di Richard Wagner e per l’arte, più che per le sue doti militari e politiche. Leggi tutto “NEUSCHWANSTEIN E HOHENSCHWANGAU: la Baviera più romantica”

Cenerentola: da Basile a Walt Disney.

cenerentola_34

Cenerentola è nota al grande pubblico soprattutto grazie al capolavoro di animazione del 1950 della Disney, che dal prossimo 12 marzo, riporterà al cinema un lungometraggio live action ispirato proprio alla fiaba “classica”, basata sul personaggio creato da Charles Perrault.

locandina

Non tutti però sanno che Perrault scrisse Cenerentola, ispirandosi alla versione della fiaba tutta italiana, anzi napoletana, di Gianbattista Basile pubblicata nel 1634. Giambattista Basile (Napoli 1575? – 1632), fu un letterato e scrittore di epoca barocca, primo a utilizzare la fiaba come forma di espressione popolare. A lui si deve la prima raccolta di novelle interamente dedicate all’infanzia: Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de peccerille (Il racconto dei racconti ovvero come intrattenere i bambini), che venne redatto in lingua napoletana e pubblicato postumo (Napoli 1634-1636) per interessamento della sorella dell’autore, la celebre cantante Adriana Basile. Benedetto Croce, che lo tradusse in lingua italiana, lo definì come “il più antico, il più ricco e il più artistico fra tutti i libri di fiabe popolari.” L’opera, nota anche col titolo di Pentamerone (cinque giornate), è costituita da 50 fiabe, raccontate da 10 anziane donne in 5 giorni; compone, nella sua raffinata architettura, alcuni personaggi e intrecci, come per esempio Cenerentola, il cui titolo nell’opera di Basile è La gatta Cenerentola o La bella addormentata (Sole, Luna e Talia, nella versione di Basile) che ebbero larga diffusione nella cultura europea dell’epoca, tanto da costituire, nelle varie elaborazioni successive, un patrimonio comune a tutta la cultura mondiale.

Giambattista_Basile La gatta Cenerentola, narra di una ragazza di nome Zezolla che uccide la sua prima matrigna, al fine di convincere il padre a sposare la sua istitutrice. Purtroppo, nonostante le promesse, la nuova matrigna maltratta Zezolla, che sarà soprannominata “gatta Cenerentola”, relegandola ai lavori più umili e occupandosi solo delle sue sei figlie. Un giorno il padre, tornato da un viaggio, porta alla ragazza una palma da datteri che, coltivata, cresce fino a raggiungere l’altezza di una donna, materializzandosi in una fata. Grazie alla fata, Cenerentola, vestita con abiti principeschi, va alla festa del re e lo fa innamorare. Questi, desideroso di averla in sposa, la farà pedinare da un servitore e Cenerentola nella fuga perderà una pianella (zoccolo con tacco basso), grazie alla quale il re ritroverà la sua amata.

Nel 2015, il regista Matteo Garrone ha adattato cinematograficamente Lo cunti de li cunti di Basile: il film Il racconto dei racconti – Tale of Tales, caratterizzato da un grande cast internazionale, è stato vincitore di sette David di Donatello.