GIAPPONE SEGRETO – Capolavori della fotografia dell’800

Kusakabe Kimbei (attr.), Il Parco del Principe Hotta a Tokyo, ante 1893
Kusakabe Kimbei (attr.), Il Parco del Principe Hotta a Tokyo, ante 1893

Fino al prossimo 5 giugno, al Palazzo del Governatore di Parma, sarà in mostra il Giappone Segreto: un’esposizione di 140 fotografie originali, capolavori della scuola di Yokohama (Yokohama Shashin) realizzate da grandi maestri giapponesi ed europei fra il 1860 e il 1910.

In quel tempo il Giappone, che si stava aprendo all’ Occidente, fu testimone di un insolito connubio tra la tecnica fotografica occidentale e la maestria dei pittori locali, eredi di un’antica e raffinata tradizione, capaci di applicare perfettamente il colore anche su minuscole superfici in carta all’albumina, al punto da renderle difficilmente distinguibili dalle moderne fotografie a colori. Leggi tutto “GIAPPONE SEGRETO – Capolavori della fotografia dell’800”

COPPA COBRAM INSIDEGARDA – edizione speciale 2016

coppa cobram

Ritorna il prossimo 5 marzo, in un’edizione tutta special, la Coppa Cobram, la gara ciclistica amatoriale demenziale, non competitiva!

coppa cobram lago di garda

La Coppa Cobram InsideGarda – edizione speciale 2016, prende il nome direttamente dal principale sostenitore della manifestazione. InsideGarda infatti, è una nuovissima realtà gardesana riguardante il Consorzio Albergatori e Ristoratori Sirmione e Hotels Promotion Desenzano che hanno siglato un importante progetto: le due associazioni collaborano per la realizzazione di eventi di rilievo sul Benaco.

Non aspettatevi però nulla di simile alla classica edizione di fine estate. Questa avrà innanzitutto un limitato numero di partecipanti, fissato a 150, che saranno invitati a rispettare un rigidissimo dress-code: abbigliamento rigorosamente fantozziano o vintage. Leggi tutto “COPPA COBRAM INSIDEGARDA – edizione speciale 2016”

VIVIAN MAIER. Una fotografa ritrovata

September 10th, 1955, New York City
September 10th, 1955, New York City / © Vivian Maier/Maloof Collection, Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York.

Si sa che molti artisti diventano famosi solo dopo la loro morte. È il caso di Vivian Maier (New York, 1926 – Chicago, 2009), tata americana di mestiere, ma fotografa per vocazione, in mostra per la prima volta a Milano, fino al 31 gennaio presso lo Spazio Forma Meravigli, con 120 fotografie in bianco e nero, realizzate tra gli anni ‘50 e ’70 tra New York e Chicago, insieme a una selezione di immagini a colori scattate negli anni ’70 e ad alcuni filmati in super 8.

Aldilà dei suoi scatti,  ciò che incuriosisce di Vivian Maier è proprio il mistero che aleggia sulla sua vita e su sé stessa. Leggi tutto “VIVIAN MAIER. Una fotografa ritrovata”

I CASTELLI DEL DUCATO DI PARMA E PIACENZA – La Reggia di Colorno

fonte castellidelducato.it
fonte castellidelducato.it
foto di Angela Di Matteo
Decorazioni soffitti stanze Piano Nobile. Foto di Angela Di Matteo

Non avrà gli sfarzi di Versailles o la regalità di Caserta, ma comunque vale la pena visitare questo elegante palazzo, tappa del circuito dei Castelli del Ducato di Parma a Piacenza.

Immersa nella campagna parmense e al centro della piazza principale, la Reggia di Colorno ha visto negli anni l’avvicendarsi delle storie delle varie famiglie nobili che l’hanno abitata: dai da Correggio, ai Terzi; dalla contessa Barbara Sanseverino, che la trasformò da rocca in corte colta e sofisticata, ai Farnese e poi ai Borbone, con i quali raggiunse la sua magnificenza.

Nel 1731 infatti, alla morte di Antonio Farnese, ultimo Duca di Parma, che non lasciò eredi, la Reggia di Colorno passò per discendenza materna a Carlo III di Borbone, figlio di Elisabetta Farnese (ultima discenete della famiglia Farnese) e Filippo V di Borbone, reali di Spagna. Leggi tutto “I CASTELLI DEL DUCATO DI PARMA E PIACENZA – La Reggia di Colorno”

CEMETERY TOURS – IL CIMITERO DELLA MARINA DI POLA – CROAZIA

DSC_1221

 

DSC_1223Per qualcuno potrà essere macabro, ma l’identità e la storia di un luogo si scoprono anche visitando il suo cimitero.

A Pola, nei pressi della spiaggia cittadina di Valkane, si trova il Cimitero della Marina di Guerra (K.u.K. Marinefriedhof). Immerso in un grande parco, l’ex camposanto Austroungarico fu fondato nel 1862 e per la sua costruzione il Ministero della Marina acquistò 4000 m2 di terreno. Oggi, il cimitero si estende su una superficie di oltre 22.000 m2, e secondo i dati attualmente disponibili, vi sarebbero sepolte circa 150.000 persone.

DSC_1219In questo luogo infatti, sono sepolti anche 12 ammiragli dell’Impero Austroungarico e un ammiraglio turco, circa 300 soldati italiani e tedeschi, le vittime del naufragio della nave passeggera Baron Gautsch e gli equipaggi delle navi militari Szent Istvan e Viribus Unitis. Recentemente, il cimitero è stato incluso nella lista dei monumenti sotto il patronato della Convenzione dell’Aia.

*Le foto pubblicate sono di mia proprietà, pertanto

ne è vietato qualsiasi uso senza la mia preventiva autorizzazione.