SEVILLA: La Feria de Abril!

IMG_2321
Plaza de Espana – Foto di Angela Di Matteo

 

Siviglia, ti accoglie con il suo profumo di fior d’arancio, con i suoi giardini e patios nascosti; con la sua antica tradizione araba e con le sue viuzze tortuose e silenziose, che si animano al calar del sole, dando il via alla famosa movida spagnola. È in questa città, che si coglie la quintessenza dell’ Andalusia:  flamenco, corrida, tapas, tradizioni che diventano ancor più accentuate durante la famosa settimana della Feria de Abril, che ogni anno si svolge in aprile. Durante questo evento, che richiama moltissimi visitatori e per il quale è d’obbligo prenotare trasporti e hotel in anticipo, gli andalusi, si riversano in strada a ogni ora del giorno e della notte, scatenandosi in passionali flamenco, sevillanas, mentre il suono delle chitarre riempie l’aria di note arabo-andaluse. La Feria de Abril, è una manifestazione sentita da tutta la popolazione e si svolge dopo la Semana Santa. Deriva da antiche sagre agricole del XIII sec., anche se la forma moderna risale al 1847, quando si decise di fare una fiera per il commercio del bestiame. Col passare degli anni, si è trasformata in un evento festoso, fino

Foto Feria de Abril – Archivio Uff. Spagnolo del Turismo

 

a divenire una delle celebrazioni

Inserisci una didascalia

folcloristiche più importanti di tutta la Spagna. La Feria, ha luogo su un vasto spazio adibito, El Real de la Feria, nell’area di Los Remedios, a sud-ovest del centro cittadino, sulla riva ovest del fiume Guadalquivir. Nello spazio, vengono montate le caratteristiche casetas, casette in legno e tela, di proprietà privata (famiglie, imprese, associazioni) alle quali si può accedere solo se invitati. Possedere una caseta, è un segno di prestigio. Ogni famiglia importante, istituzione, partito politico osocietà ha la sua caseta, dove si intrattengono gli ospiti, si rinsaldano relazioni sociali, ma soprattutto si mangia, si beve e si balla al ritmo di flamenco. In ogni modo, c’é una grande ospitalità,ed è molto facile che si invitino passanti e turisti. Vi sono comunque anche, casette pubbliche. All’ interno dell’area ci si muove solo a piedi o a cavallo. C’è un’atmosfera di grande allegria: cavalli agghindati con nastrini multicolori, carretti dipinti e cantanti che intonano antiche ballate con la chitarra; tutti vestono in abiti tradizionali andalusi e durante questo evento si tengono anche le corride, con i più famosi toreri. Al calar della sera poi, si passa di caseta in caseta, fermandosi a mangiare, a bere, a conoscersi, a chiacchierare; si assiste agli spettacoli di danze o vi si partecipa, fino alle prime ore del mattino, catapultati nel passato della tradizione Andalusa.

 

 

 

 

 

 

 

Informazioni

 

 

 

Ufficio del Turismo Spagnolo: www.turismospagnolo.it
Consorcio de Turismo de Sevilla: www.turismo.sevilla.org
www.tussam.es (è possibile scaricare orari e itinerari autobus cittadini)
www.sevillacard.es


Rispondi