CEMETERY TOURS – IL CIMITERO DELLA MARINA DI POLA – CROAZIA

DSC_1221

 

DSC_1223Per qualcuno potrà essere macabro, ma l’identità e la storia di un luogo si scoprono anche visitando il suo cimitero.

A Pola, nei pressi della spiaggia cittadina di Valkane, si trova il Cimitero della Marina di Guerra (K.u.K. Marinefriedhof). Immerso in un grande parco, l’ex camposanto Austroungarico fu fondato nel 1862 e per la sua costruzione il Ministero della Marina acquistò 4000 m2 di terreno. Oggi, il cimitero si estende su una superficie di oltre 22.000 m2, e secondo i dati attualmente disponibili, vi sarebbero sepolte circa 150.000 persone.

DSC_1219In questo luogo infatti, sono sepolti anche 12 ammiragli dell’Impero Austroungarico e un ammiraglio turco, circa 300 soldati italiani e tedeschi, le vittime del naufragio della nave passeggera Baron Gautsch e gli equipaggi delle navi militari Szent Istvan e Viribus Unitis. Recentemente, il cimitero è stato incluso nella lista dei monumenti sotto il patronato della Convenzione dell’Aia.

*Le foto pubblicate sono di mia proprietà, pertanto

ne è vietato qualsiasi uso senza la mia preventiva autorizzazione.

CEMETERY TOURS – Napoli, Il Cimitero delle Fontanelle: dove i vivi parlano con i morti.

 IMG_9826Voglio inaugurare questa rubrica partendo da Napoli, dove il culto dei morti è una vera e propria venerazione, segnalandovi uno dei suoi luoghi più misteriosi e suggestivi: il Cimitero delle Fontanelle.

Il Cimitero delle Fontanelle era un antico ossario, situato in una ex cava di tufo nel cuore del rione Sanità, destinato a seppellire le salme della popolazione che non trovarono posto nelle pubbliche sepolture delle chiese.

Chiamato in questo modo per la presenza in tempi remoti di sorgenti d’acqua, il cimitero che si sviluppa per circa 3.000 m² (mentre le dimensioni della cavità sono stimate attorno ai 30.000 m³), accoglie 40.000 resti di persone, vittime soprattutto della grande peste del 1656 e del colera del 1836. Leggi tutto “CEMETERY TOURS – Napoli, Il Cimitero delle Fontanelle: dove i vivi parlano con i morti.”